20 aprile 2015

STATUS: Scenari Trasportistici e speranze infrante

Its Monday...

A volte a forza di aspettare un moderno collegamento tra Tuscolana e EUR vien voglia di passare al lato Oscuro....

Freschissima è la pubblicazione aggiornata dell'ennesimo documento di programmazione:

STATUS
Scenari Trasportistici e Ambientali per un Trasporto Urbano Sostenibile (S.T.A.T.U.S.)
La mobilità a Roma di ieri, oggi e sviluppi futuri
"Accanto al PGTU, che per natura ha un arco temporale di azione di breve periodo (4-5 anni), l’Amministrazione con l’ausilio dell’Agenzia della Mobilità sta lavorando al Piano Urbano della Mobilità (PUM), la cui redazione è stata promossa dalla Commissione europea, con il Piano d’azione sulla mobilità urbana (2009) e con il Libro bianco sui trasporti (2011), come strumenti di pianificazione di nuova concezione.
Proprio nel PUM si tenterà di mettere in pratica l’auspicio di Insolera, disegnando uno scenario futuro in grado di ricucire, almeno in parte, le fratture che la modernità ha creato nella città, investendo in modo organico nel trasporto pubblico con particolare riferimento al tram ed al miglioramento dell’intermodalità.
L’obiettivo della presente pubblicazione è quella di valutare l’evoluzione della mobilità nell’area metropolitana di Roma, analizzando il presente ed il passato prossimo, e guardando il futuro in relazione alla completa realizzazione delle previsioni contenute negli strumenti pianificatori vigenti secondo un programma di attuazione progressivo."

Analizziamo lo scenario di medio Periodo, peraltro il primo dove si inizia a intravedere qualcosa sui collegamenti previsti Tuscolana-EUR.

"Per medio periodo si intende un lasso di tempo prossimo (10 anni), nel quale si ritengono conclusi quasi interamente gli interventi che ad oggi sono in stato di realizzazione."
"Il Medio Periodo è lo scenario che l’Agenzia sta valutando nell’ambito della redazione del P.U.M. (Piano Urbano della Mobilità), normativamente successivo rispetto il nuovo PGTU, adottato dalla Giunta Capitolina nel mese di marzo 2014, che detta gli indirizzi programmtici su un orizzonte temporale di 8-10 anni.
E’ lo scenario in cui si ipotizzano realizzate: la metro C fino ad Ottaviano, la B a Casal Monastero e la A a Torrevecchia; in cui si investe sulla cultura del tram con la realizzazione di nuovi tronchi infrastrutturali, tra cui Via dei Fori imperiali, Via Cavour, Viale Marconi, Via Tiburtina, Ponte della Musica, solo per citarne aluni. Lo scenario si concentra inoltre sul tema dell’integrazione dei servizi attraverso il disegno di sistemi a fune in grado di aumentare “l’effetto rete” e l’intermodalità (e.g. funivia sul Tevere a Magliana, sistema a fune tra Colosseo e Traforo, minimetro Jonio-Bufalottae Laurentina-Grotta Perfetta). A completamento della potenziata offerta di trasporto pubblico, si investe sulle corsie preferenziali del TPL con la realizzazione di nuovi corridoi bus ad alta capacità ed efficienza; sul potenziamento della rete ferroviaria e dei parcheggi di scambio e sul miglioramento tecnologico sulla rete metroplitana esistente."

La Legenda recita:
Linea gialla = Corridoi della mobilità sistemi innovativi

Cosa si intenda dire con sistemi innovativi non è dato saperlo.

Inoltre, in assoluto non si risolve il passaggio tra Circonvallazione Tuscolana e Appia Nuova, le linee disegnate come continue passano in mezzo al Parco degli Acquedotti...come?
Il corridoio è tracciato lunga Via di Tor Carbone...come si fa a usare questo tracciato? Si chiude il passaggio alle auto? Forse nella visione dove riportano ancora il mitico sottopasso dell'Appia nel medio periodo...(forse tra un 25 anni....)


Nessun commento: